Mai più plastica: ecco “Ooho”, la goccia commestibile

Mai più plastica: ecco “Ooho”, la goccia commestibile

L’inquinamento ambientale è uno dei temi più ricorrenti ed importanti dei nostri anni. Per quanto concerne quello dato dalla plastica utilizzata per i contenitori di bevande finalmente sta arrivando una soluzione davvero interessante: Skipping Rocks Lab è una giovanissima start-up britannica che intende eliminare le bottiglie di plastica utilizzate per l’acqua e le bevande in generale, impiegando “Ooho“: delle “gocce commestibili e bio degradabili”.

Una soluzione intelligente amica dell’ambiente e non solo, poiché “Ooho” ha un costo di produzione nettamente inferiore di quello della plastica.

La necessità aguzza l’ingegno:

L’inquinamento causato dalla plastica ha raggiunto limiti intollerabili: secondo uno studio condotto dalla fondazione Ellen MacArthur, ogni anno solo in mare finiscono oltre 8 milioni di tonnellate di plastica: come se ogni minuto, per un anno, un camion della spazzatura riversasse l’intero suo contenuto nell’oceano.

La soluzione:

La start-up britannica Skipping Rocks Lab, intende eliminare le bottiglie di plastica utilizzate per l’acqua e le bevande in generale sostituendole con delle capsule trasparenti, biodegradabili e commestibili, realizzate con un polimero di origine vegetale.

Una perla d’acqua, di aranciata o di vino insomma. “Mangiare l’acqua” sarà il nuovo trend dell’idratazione: Ooho può essere masticata per liberarne il contenuto (acqua, vino o altri liquidi). Inoltre il costo di produzione di questo contenitore commestibile è nettamente inferiore a quello delle bottiglie in plastica o vetro e può essere utilizzato per confezionare acqua, bibite gassate, alcolici e persino prodotti cosmetici.

Messa a punto e produzione di massa:

Realizzare Ooho ha richiesto più due anni di lavoro. L’azienda, che intende arrivare sul mercato del largo consumo nel 2018, sta raccogliendo in crowdfunding il secondo round di finanziamenti: l’obiettivo di 500 mila euro è già stato raggiunto e i fondi raccolti continuano ad aumentare.

 

AcidRain dei MindlessNerds si augura che l’articolo sia stato di vostro gradimento e vi invita ad iscrivervi e a seguirci su: YouTube | Facebook | Google+ | LinkedIn | Telegram | Instagram | Instagram2 | Twitter

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.