Recensione Cuffie Sony MDR-XB950AP

Sony ci strabilia con delle cuffie dal rapporto qualità/prezzo a dir poco fantastico!! Scopriamole insieme!

INSCATOLAMENTO 

La scatola parla chiaro. Il fronte e il retro sono tappezzati di scritte quali: “deep bass”, “extra basses”. È evidente come Sony abbia puntato ai bassi, alla profondità di quest’ultimi e all’immersione sonora e lo sottolinea descrivendoci sul retro della scatola la tecnologia usata per il padiglione. Spessore del trasduttore, grandezza dell’impedenza e risposta in frequenza primeggiano sul retro della scatola. Roba da smanettoni che a noi piace particolarmente.

IL PRIMO IMPATTO: QUALITÀ COSTRUTTIVA

La struttura “portante” della cuffia è di ottima qualità: alluminio satinato, spesso, resistente e oleofobico. Il resto è di plastica (policarbonato, come direbbero altri produttori furboni). La qualità costruttiva complessiva è impressionante, sopratutto del cuscinetto che andrà ad isolarci dal mondo esterno, che non sembra affatto delicato o facilmente usurabile. Il cavo piatto (lungo 1,2m) non si attorciglia facilmente e l’attaccatura ad “L” del jack da 3.5mm ci facilità l’utilizzo con pc, tablet e consoles; ce lo complica con riproduttori musicali o smartphones che riporremo in tasca. Utilissimo il tasto per le funzioni multimediali, riconosciute da ogni tipo di device, altrettanto comoda la posizione del microfono.

SPECIFICHE TECNICHE E IMMERSIONE SONORA

Il trasduttore  elettrodinamico da 40mm fornisce una risposta ai bassi eccezionale. Il senso di immersione è totale e il padiglione, anche se messo in difficoltà estrema con brani importanti come “Angel” dei Massive Attack, non mostra segni di cedimento o di scricchiolio nemmeno al massimo volume (106db). Il padiglione risponde a frequenze che vanno dai 3 ai 28000Hz (ed è subito chiaro, ai meno inesperti, quanto questa sia un ottima banda di risposta). Il suono è colorato e definito: i bassi sono profondi ma equilibrati, non ovattano eccessivamente l’esperienza sonora e non coprono i medi e gli alti definitissimi. Fondamentale è stata quindi la scelta dell’impedenza da 40 Ohm che da un lato abbassa il volume massimo (rispetto ai soliti 32 Ohm), ma dall’altro aumenta la definizione generale e si rivela un ottimo compromesso sia per gli ascoltatori “casual” che per i “puristi” della fedeltà sonora (per quanto questo sia possibile nell’era digitale).

VOTO COMPLESSIVO E CONCLSIONE

Le Sony MDR-XB950AP stupiscono. Considerando il prezzo a cui sono facilmente reperibili in internet e la qualità generale del prodotto, probabilmente non hanno rivali (Qualità/Prezzo). Non hanno nulla da invidiare a modelli ben più costosi delle esaltate Monster “Beats Solo” o alla stragrande maggioranza delle Sennheiser (appartenenti a quella fascia di prezzo).

Consigliamo dunque vivamente questo Headset sia agli ascoltatori più casual, sia agli intenditori dal padiglione “sopraffino”.

Se volete rimanere sempre aggiornati riguardo gli sconti proposti, i video, le guide e le recensioni o se semplicemente volete sostenerci Vi invitiamo ad aggiungerci alle cerchie di G+, ad iscrivervi al canale YouTube o di Telegram e a seguirci sulla nostra pagina Facebook! Potete condividere i nostri articoli o lasciare un like anche con i social button che trovate a fondo pagina. Grazie. Saluti da Lagunare95 e da tutto il team MindlessNerds.

Seguici Online

Total
0
Shares
5 comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Post

Asus Zenfone Max – Recensione Completa

Next Post

Aukey – Cavo USB-C – Recensione

Related Posts