Recensione Mouse Asus ROG Spatha

Cos’è che non può mancare nella casa di ogni gamer patito di sparatutto? Ovviamente un mouse che si rispetti. Questo, Asus lo ha capito e ha rischiato, provando ad inserirsi di prepotenza, nell’olimpo dei mouse da gioco, affianco ai famosi R.A.T., Razer e Logitech (nello specifico caso del G900). Sarà l’Asus Rog Spatha, in grado di affrontare questa sfida?

CONTENUTO DELLA CONFEZIONE:

Già il contenuto della confezione parla chiaro: Asus punta sulla quantità della dotazione ma sopratutto sulla qualità e solidità del prodotto. All’interno della scatola troviamo infatti una custodia rigida dove riporre il nostro mouse in caso dovessimo spostarlo, per affrontare qualche sessione di gaming fuori casa. Colpisce la qualità generale di questa, imbottita e rifinita veramente bene. D’innanzi, è raffigurato lo stemma della “Repubblica dei giocatori” che ci fissa minaccioso (trattasi infatti di due occhi belli incazzati). All’interno, la vastità della dotazione:

  • il mouse (ovviamente)
  • la base del ricevitore wireless (torneremo più avanti su questa peculiarità) che funge da “caricabatterie”
  • due cavi usb (uno di tela per l’utilizzo cablato, l’altro semplice per la base del ricevitore)
  • due stemmi “metallici” raffiguranti la Repubblica
  • un cacciavite di tipo Torx
  • due micro switch Omron per la sostituzione in caso di eventuale danneggiamento da usura di quelli già montati a “bordo” (resistenti a 20 milioni di click)

PRIMO IMPATTO

Il primo impatto è veramente positivo, anche se la qualità generale colpisce relativamente poco se si pensa alla cifra spesa per possedere questo arnese da guerra. Ad ogni modo, appare chiaro quanto ben pensata sia la possibilità dell’utilizzo “double-face” (cablato o senza fili).                                                                                              Sopra il mouse, i led che illuminano, oltre che il solito stemma, la rotellina e i tasti personalizzabili. Lateralmente troviamo un motivo maya abbastanza fuori luogo (esteticamente), che funge anche da grip per la presa solida del mouse. I materiali sono veramente ottimi: lo chassis è composto interamente di una lega di Magnesio molto solida che non fa sudare il palmo della mano; la struttura poggia interamente su una base di alluminio.

SPECIFICHE TECNICHE

Non voglio annoiare con troppi tecnicismi, ma mi limito a stilare una semplice lista delle peculiarità tecniche di questo prodotto:

  • 12 pulsanti programmabili
  • effetti di illuminazione totalmente personalizzabili grazie alla scelta di tecnologie a led RGB
  • 8200 dpi, switchabili tramite il tasto DPI posto sotto la rotellina
  • fino a 2000Hz di USB polling rate (aggiornamento della posizione del cursore)
  • memoria flash dove poter salvare i profili switchabili dal solito tasto DPI
  • predisposizione all’utilizzo cablato o wireless a scelta

UTILIZZO PRATICO

L’utilizzo di questo mouse risulta veramente piacevole. La sua struttura infatti, non affatica il polso e anzi rilassa particolarmente il tunnel carpale non costringendolo a posizioni innaturali. Il peso è decisamente ben equilibrato e il mouse scorre bene. Dispiace particolarmente l’assenza dei bilancieri, per la personalizzazione della distribuzione della massa del nostro arnese (i classici “pesetti” che possiamo disporre a nostro piacimento). I tasti hanno un ottimo feeling dovuto, ovviamente, alla presenza di componentistiche Omron, ormai leader nel settore elettronico. I pulsanti programmabili sono veramente comodi e hanno tutti un ottima raggiungibilità.

SOFTWARE PER LA PERSONALIZZAZIONE: ROG ARMOURY

Asus ha riposto la stessa cura anche per il lato software. Infatti, dal sito, è scaricabile gratuitamente Rog Armoury, un comodissimo e completo programma per la gestione dei profili e per la personalizzazione della colorazione dei led.                                                                                                                                                                                         Tramite Armoury, possiamo assegnare ad ogni profilo (fino ad un massimo di 8):

  • opzioni di polling rate diverse (fino a 2000MHz per la connessione cablata e a 1000MHz per quella Wireless)
  • sensibilità del cursore (espressa in DPI)
  • illuminazione dei led (colore ed effetto “d’animazione”)
  • macro assegnabili ad ogni tasto personalizzabile per ogni profilo

Armoury è quindi un programma su cui perderanno la vita i patiti del modding, un software da spulciare bene per la massima personalizzazione dell’esperienza di gioco.

LE NOSTRE OPINIONI

L’Asus Rog Spatha è un prodotto che merita attenzione dalla fascia dei gamer interessati al mondo degli FPS o degli MMO (grazie ai 12 tasti programmabili, una vastità adatta più ai giocatori di World Of Warcraft che ai giocatori di Counter Strike). Sfida a testa alta i mouse dell’olimpo del mondo videoludico e non ne esce affatto sconfitto, ma valorizzato per la qualità dei materiali, le accortezze di chi l’ha disegnato, la durabilità degli switcher e l’utilizzo double-face sopra citato. Ci sono dei difetti però, non sottovalutabili, quali la mancanza dei pesi interni e il rapporto qualità/prezzo. Il costo è infatti decisamente alto, e non è certamente un dispositivo alla portata di tutti, che però regala grandi soddisfazioni a chi ha il “coraggio” di  acquistarlo (magari in sconto).

Link Acquisto

VOTO: 8

                                                                                                                 Recensione scritta da Lagunare95 

I MindlessNerds si augurano che l’articolo sia di tuo gradimento. Ti invitiamo ad iscriverti e a seguirci su: YouTube | Facebook | Instagram | Gruppo Telegram | LinkedIn | Canale Telegram | Twitter

Inoltre se utilizzi un AD-BLOK ti chiediamo di aggiungerci alle eccezioni, potremmo così sostenere i costi di gestione e manutenzione del sito. Grazie

Acquisti Online? Approfitta subito delle offerte Amazon di oggi, aggiornate 24H su 24 dal nostro staff



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.