Xiaomi Mi Mix 3 – Recensione completa

Il problema del notch è abbastanza comune in molti dispositivi usciti nel 2018 e nella prima parte del 2019, ma come al solito, Xiaomi trova una soluzione originale per aggirare il problema. Questa soluzione è Mi Mix 3.

UNBOXING

Partendo come di consueto con l’unboxing possiamo notare come il confezionamento sia simile a quello del suo predecessore, Mi Mix 2S. Sollevato il coperchio superiore avremo un cartoncino con su incisa una citazione di Lei Jun, fondatore di Xiaomi, che una volta messa da parte ci porta ad il telefono stesso, con una linguetta in cartoncino utile per tirarlo fuori dalla scatola. Sotto di esso troviamo poi l’Alimentatore a ricarica rapida, un cavo USB-USB Type C con una particolare finitura per evitare di contrastare con lo slider, ed una base di ricarica Wireless. In un cassettino più nascosto saranno invece presenti una cover rigida, il pin per rimuovere il carrellino delle SIM, il dongle per le cuffie, ed infine la manualistica.

SPECIFICHE TECNICHE

Passando alle specifiche tecniche, monta il SoC Qualcomm Snapdragon 845, con 8 core custom Kryo 385 clockati a 2.8GHz e GPU Adreno 630. Viene attualmente venduto solamente in configurazione da 6/128GB. Le RAM sono di tipo LPDDR4X e lo storage sotto forma di UFS. La batteria è una 3200mAh.

DESIGN E COSTRUZIONE

Il dispositivo è completamente costruito in ceramica nella parte posteriore, dove vi è anche un lettore d’impronta ed un setup dual camera di cui parleremo poi. Il frame è in metallo ed ospita tasto power e bilanciere del volume nella parte destra, IR Blaster e secondo microfono nella parte superiore, un tasto dedicato a Google Assistant riprogrammabile nella parte sinistra, ed infine cassa, primo microfono, e porta USB Type-C.

DISPLAY

Nella parte frontale potremo godere di un display da 6,39″ FullHD+ con aspect ratio 19:9. Il pannello è un Amoled, quindi ottimi colori, molto vividi, angoli di visione buoni, ma soprattutto neri profondissimi. Questa implementazione permette anche di utilizzare l’Always on Display per mostrare orario e notifiche senza impattare troppo sulla batteria. Ma la parte migliore verrà quando ci accorgeremo che esso scorre verso il basso rivelando le due fotocamere anteriori. Questo è il punto di forza del device, che lo distingue da qualsiasi altro dispositivo in commercio. Xiaomi assicura l’utilizzo dello slider per un totale di 300mila aperture e chiusure.

FOTOCAMERA

La fotocamera posteriore è ottima, ma forse manca ancora un po’ di post-processing, che per ora sembra impastare fin troppo le immagini. I video possono essere registrati in 4K a 60FPS o a 1080p 960FPS. La stabilizzazione ottica svolge un sublime lavoro.

PRESTAZIONI

Come ci aspettavamo, si avvicina molto a quelle del Mi Mix 2S, il suo predecessore, avendo lo stesso SoC, dunque assolutamente nulla di male da segnalare qua. Forse se proprio avessimo dovuto muovere una critica nei confronti di Xiaomi, diremmo che è un lancio abbastanza inutile, e avremmo preferito avere direttamente il Mix 3 5G con Snapdragon 855, ma c’è anche da considerare che è una grande innovazione per quanto riguarda lo stesso concetto di Mi Mix, telefono borderless, e probabilmente volevano il primato per lo slider per sé. Tornando in topic, ogni cosa sarà fluida e reattiva su questo telefono, dal semplice Telegram a PUBG Mobile.

BATTERIA

Sicuramente in grado di portare a fine giornata (nella maggior parte dei casi, non sempre), se la cava con 6/7 ore di schermo attivo con uso medio e circa 4/5 con uso intenso.

SOFTWARE

Ultimo, ma non meno notevole, è il software. La MIUI mi è storicamente piaciuta, ma su Mi Mix 3 è davvero un’altra cosa: perfettamente fluida e reattiva, come Xiaomi la intende.

CONCLUSIONI

In definitiva, ad un prezzo abbastanza aggressivo come €400, lo consiglieremo? Personalmente sì, ma no. La motivazione è semplice, la versione 5G con 855. Per carità, ottimo telefono, con ottimo hardware, ma sapendo che verrà presto rilasciato nella sua variante 5G e con Snapdragon 855, mi sembra abbastanza inutile attualmente comprarlo. Tuttavia, come detto prima, rimane un ottimo telefono, che sicuramente vi porterà a fine giornata felici della vostra esperienza con lui.

I MindlessNerds si augurano che l’articolo sia di tuo gradimento. Ti invitiamo ad iscriverti e a seguirci su: YouTube | Facebook | Instagram | Gruppo Telegram | Twitch | Twitter

Inoltre se utilizzi un AD-BLOK ti chiediamo di aggiungerci alle eccezioni, potremmo così sostenere i costi di gestione e manutenzione del sito. Grazie



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.